Nel 150 anniversario dell’Unità d’Italia, Cinecittà si
mostra per la prima volta al grande pubblico. A partire dal 29 aprile, il
visitatore potrà finalmente accedere alla fabbrica dei sogni direttamente
dallo storico ingresso di via Tuscolana 1055 , quello in cui tagliò il nastro
Mussolini nel 1937. Il pubblico che visiterà Cinecittà si mostra
sarà accolto all’ingresso dalle parole delle sceneggiature di film girati
negli studios prima di partire per un viaggio che lo condurrà nella magia del
cinema e del mondo di Cinecittà dove quelle stesse parole sono tradotte in
immagini che hanno fatto sognare intere generazioni. Questa mostra è
un’anticipazione di un più ampio progetto che prevede la realizzazione nei
prossimi anni di un Museo del Cinema che avrà sede permanente negli studios di
Cinecittà. 

Via Tuscolana 1055.

La mostra avrà due sale dedicate al costume in cui sarà
possibile ammirare una selezione di abiti delle più famose sartorie
cinematografiche; un’altra sulla scenografia dove sono esposti
plastici e bozzetti; un’altra alla postproduzione per conoscere le
tecniche del montaggio di un film. Il percorso continua con una sala sul
film finito, con una selezione di immaginni delle pellicole più
rappresentative girate negli studios. Altri posti ci mostrano la storia di Cinecittà e c’è anche un’area
dedicata ai bambini, il CineBimbiCittà. La mostra ci permette inoltre
di vedere i ritratti dei protagonisti. C’è anche un posto riservato
ai gloriosi anni 50/60

Amarcord, di Fellini.

La mostra
culminerà con la visita sui grandi set all’aperto: l’imponente Foro della
Roma Imperiale di Rome, la vecchia America di Gangs of New York di Martin  Scorsese, la
piramide egizia di Cleopatra, il duomo di
Assisi di San Francesco. Il biglietto di ingresso costa 10 euro per
adulti e 5 per bambini. 

Alcuni
conoscono Cinecittà come l’Hollywood europea. Altri, i più giovani, come il
set del Grande Fratello. Lo 

Hepburn, in Guerra e pace.

storico studio cinematografico nato nel 1937 ha vissuto i suoi anni
d’oro nel Secondo Dopoguerra. Fino ad oggi si contano più di 3.000 film girati
nei set romani; 48 di questi sono stati premiati con gli Oscar dell’Accademia.
Altri, quali Guerra e pace di King Vidor,  Amarcord di
Federico Fellini,  Quo vadis, Ben Hur, La dolce
vita
, Il barone di Munchausen, Il paziente inglese,
Nine, Baaria o Mission impossibile 3 hanno reso
ancora più grande la Hollywood sul Tevere.